Stalking: come difendersi e liberarsene grazie all’investigatore privato.
23 Luglio 2019
Quando il contro pedinamento può cambiarti la vita
12 Novembre 2019
Show all

Vincere in tribunale grazie ai consigli di Saul Goodman.

Jonathan Banks as Mike Ehrmantraut and Bob Odenkirk as Jimmy McGill - Better Call Saul _ Season 2, Gallery- Photo Credit: Ben Leuner/AMC

Sapevi che in USA quasi ogni studio legale ha il suo investigatore privato di fiducia?

Probabilmente, se hai visto la serie “Better call Saul” (prequel del più famoso Breaking Bad) sai che, l’istrionico avvocato Saul, per avere ragione delle sue cause legali, si avvaleva dei servigi del rude investigatore privato Mike.

Se il buon Saul esistesse nella realtà e fosse coinvolto in una discussione con un avvocato italiano, probabilmente la prima cosa che suggerirebbe al collega, sarebbe di assumere un “Mike”.

Negli Stati Uniti quasi la totalità dei “lawyer” si avvale dei servizi di un investigatore privato.

Tutto possiamo dire degli americani tranne che non sappiano quello che facciano quando si tratta di fare bene il proprio lavoro.

Gli avvocati statunitensi hanno da tempo capito che, per consentire ai loro clienti di avere la meglio nelle cause legali, devono fare una cosa fondamentale: raccogliere le prove e dimostrare alla giuria le loro ragioni attraverso elementi certi e dimostrabili.

Una strategia legale, coadiuvata da prove raccolte privatamente, permette di avere notevoli possibilità di successo in sede di giudizio.

 

Senza aver fatto un lavoro preventivo di raccolta prove, a sostegno della propria causa, si rischia di arrivare in sede di giudizio con una strategia debole, proprio perchè il sistema giudiziario tiene conto solo degli elementi che si possono provare legalmente.

Tutti abbiamo presente, nei film americani, la situazione in cui il “cattivo”, anche se palesemente colpevole, non viene “incastrato” dalla giustizia perchè i detective non hanno prove per dimostrare la sua colpevolezza davanti alla giuria.

Questo non è solamente un clichè holliwoodiano ma, è quanto accade realmente nella vita reale.

  • Senza prove (raccolte in modo legale) non vi è modo di dimostrare le proprie ragioni.
  • Senza prove non si ha la certezza di poter aver ragione in sede di giudizio.
  • Senza prove ci si deve affidare totalmente alla provvidenza.

Questo perchè, in tribunale, ciò che davvero può far pendere a proprio favore la sentenza del giudice è solamente quello che si è in grado di poter provare.

Ecco perchè in America ogni avvocato che si rispetti ha il suo investigatore privato di fiducia.

Molte volte, se non si è in grado di avere un quadro della situazione, l’investigatore provvede a raccogliere le prove a sostegno della tesi dell’avvocato.

Con le prove raccolte dagli investigatori privati gli avvocati americani vincono le cause in tribunale (e i loro clienti sono felici).

E in Italia come siamo messi?

In questo caso gli USA stanno avanti anni luce purtroppo.

Da noi, quando si ha un problema destinato ad essere oggetto di dibattimento in tribunale, si è soliti recarsi dall’avvocato,  delegare tutto allo studio legale e aspettare di andare a processo.

Ciò va bene, ma gli avvocati di oltreoceano ci insegnano che manca un terzo elemento, per impostare una strategia giudiziale vincente: la raccolta delle prove legali da presentare al giudice.

A questo punto dovrebbe entrare in gioco l’agenzia investigativa, alla quale deve essere affidato il compito di indagare e raccogliere prove, per sostenere la tesi difensiva o accusatoria che l’avvocato porterà in tribunale.

 

Noi lavoriamo quotidianamente con alcuni studi legali “illuminati”, i quali ci chiamano quando il loro cliente ha necessità di raccogliere prove, che potranno essere usate per poter sostenere la veridicità di quello che si andrà a sostenere davanti ai magistrati.

Abbiamo decine di case history in cui, le prove raccolte dai nostri investigatori, si sono rivelate essenziali per la vittoria della causa legale.

In particolare, il nostro operato è fondamentale quando si tratta di affrontare una causa legale che nei seguenti casi:

  • Dimostrare l’infedeltà del coniuge.
  • Stabilire la cifra dell’assegno divorzile.
  • Affidare i minori.
  • Dimostrare lo stile di vita e il reddito di una persona.
  • Avere ragione in una causa di lavoro.
  • Provare la concorrenza sleale in abito aziendale.
  • Smascherare un collaboratore lavorativo infedele.
  • Intentare una denuncia per stalking o molestie.

A questo punto, possiamo davvero dire che l’investigatore privato è, ad oggi, un personaggio chiave che permette al legale di avere un vantaggio enorme in tribunale.

Se hai in programma di affrontare un processo e hai necessità di portare in tribunale prove legali, che sostengano la tua causa, forse è il momento di affiancare al tuo legale anche un investigatore privato. 

Contattaci subito: raccoglieremo per te le prove che ti aiuteranno a fare in modo che le cose vadano nel verso giusto in tribunale.

Alla prossima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Call Now Button
WhatsApp chat